Articoli con tag 'francesco_rutelli'

Questa classe politica cosmopolita

Recommended: il messaggio di benvenuto di Ru-Telly sul controverso portale Italia.it.

La cultura di Ru-telly: “Grandi Restauri S.p.A.”

L’evento è quello ufficiale e azzimato dell”ennesimo "Restauro-di-Stato-finanziato-dal-Ministero", e il Ministro della cultura Rutelli non rinuncia all’occasione per rispolverare il consueto frasario vetusto e stereotipato: restituire ‘uno dei luoghi piu’ belli del mondo - per stratificazione storica, artistica e architettonica’. Manca solo la solita, disumana e oggi scientificamente inaccettabile formula del ritorno all’antico splendore ancora oggi scelleratamente in auge nell’ambito giornalistico più inconsapevolmente indifferente alla storia della cultura e inaugurata durante la stagione ottocentesca del "restauro stilistico", in cui si decretava arbitrariamente la sopravvivenza delle membrature architettoniche a seconda dello stile e quindi dell’epoca che altrettanto arbitrariamente si intendeva privilegiare, cancellando senza scrupolo di sorta qualunque altra traccia di cultura artistica stratificata esistente sul manufatto, e liquidandola come inutile superfetazione.
Continua a leggere ‘La cultura di Ru-telly: “Grandi Restauri S.p.A.”’

La cultura di Ru-Telly

Dunque è assodato: la performance offerta da Padoa-Schioppa durante la puntata di Che tempo che fa dell’altra sera non era un evento isolato, ma faceva parte di un’offensiva più vasta e mirata a scuotere alle fondamenta il comune senso della decenza del pubblico televisivo italico, nell’ennesimo slancio di arrogante presunzione inflitto da un governo farsesco a una nazione considerata chiaramente d’intralcio alla libera espressione del proprio delirio di onnipotenza. La conferma è giunta tempestiva stasera, quando dai microfoni della ribalta giornalistica offerta da Ballarò (naturale espressione ulteriore di un distillato di obiettività cristallina nei giudizi e negli atteggiamenti degli operatori dell’informazione nostrani nella normale interazione con le diverse parti politiche), il ministro della cultura Francesco Rutelli si è esibito nella scoppiettante (TPS docet) valutazione critica secondo la quale "Non Si Può Chiedere A Piacenza Di Essere Anche Una Città D’Arte".
Questo perché, ha analizzato,

pur avendo quella bella piazza,

trattasi di città che "riveste un ruolo e una vocazione primari di snodo logistico" per l’erogazione di "servizi" - sic - al paese. E’ evidente che al ministro poco importa (per usare un sontuoso eufemismo) che, in quest’Italia stremata dall’ignoranza di una classe dirigente convinta che una bella fronte spaziosa basti a conferire il diritto di fare il bello e il cattivo tempo, proprio in quel patrimonio culturale diffuso da lui trascurato, proprio nella provincia solo apparentemente più anonima perché sprovvista di immediato appeal turistico degno dei peggiori stereotipi da istituto alberghiero stia invece, non meno che nelle solite emergenze monumentali, la principale risorsa del paese anche in termini economici (visto che con le ragioni della cultura non si batte chiodo). A condizione di gestire correttamente questo patrimonio, e quindi esserne quantomeno vagamente al corrente. Santa Maria di Campagna, San Sisto, San Sepolcro, Alessio Tramello, le architetture farnesiane (tra gli altri) ringraziano doloranti.