Articoli con tag 'digg'

The pros and cons of DRM

La notizia per cui l’acquirente di un DVD in alta definizione, prodotto e distribuito secondo il nuovo standard HD-DVD, aveva operato il cracking della password necessaria a riprodurne i contenuti multimediali su qualunque macchina anche se sprovvista del controller compatibile richiesto dalla tecnologia di protezione dei contenuti, risaliva alla fine dell’anno scorso. Ma adesso pare che l’AACS, potente consorzio statunitense preposto alla distribuzione delle licenze previste dallo standard, si sia mosso legalmente per chiedere a Digg di eliminare qualunque riferimento al post contenente la chiave di accesso per il crack, e che, dopo l’iniziale censura, il responsabile del sito Kevin Rose abbia accolto le proteste della propria comunità per resistere ad oltranza alla diffida dell’AACS:

After seeing hundreds of stories and reading thousands of comments, you’ve made it clear. You’d rather see Digg go down fighting than bow down to a bigger company. We hear you, and effective immediately we won’t delete stories or comments containing the code and will deal with whatever the consequences might be.

[ Technorati Tags: , , , , ]

Vantaggi genuini

Commento letto nella discussione di un post su Digg:

I hear future versions of WGA will be able to crawl off your hard drive, handcuff you, take you outside and sodomize you and have you airlifted by a blackhawk headed for Gitmo.

Digg qualcosa

Pare che gli utenti del famoso aggregatore di notizie Digg siano fastidiosamente inclini a considerare spam gli articoli che hanno a che fare con determinati argomenti, indipendentemente dal fatto che essi provengano da splog, ovvero da blog dediti allo spam, ma anche dal fatto che la segnalazione iniziale della notizia provenga dal titolare del sito in questione o meno. Tutto questo si traduce in un’esclusione automatica (ban) di tutti i domini relativi a quei siti, che da quel momento saranno sempre interpretati da Digg come dediti allo spam. Un modo come un altro per emarginare dall’aggregatore i siti sgraditi o "scomodi", eventualmente per motivi di concorrenza. O di semplice antipatia. Il che contraddice nettamente l’etica alla base dei siti dediti al social bookmarking come Digg. Se ne parla (in inglese) qui e qui.

Tra parentesi, da noi esistono modi molto più rozzi per censurare ed emarginare in rete personaggi e siti sgraditi. Quello di gran lunga più diffuso, e indicativo della mentalità dominante nella blogosfera, consiste nell’etichettare come troll chiunque la pensi diversamente rispetto al gregge prono alla vulgata tecnofilo-sinistrese dominante. Mannaia che si abbatte invariabilmente su chiunque abbia il coraggio di opporsi al pensiero unico, che attualmente in Italia vede prevalere (per quanto tempo?) siti di massa dediti alla satira e/o alla divulgazione tecnologica di argomenti riguardanti esclusivamente la blogosfera e le sue dinamiche interne, in un trionfo di autoreferenzialità minimalista che è persino diventata essa stessa un argomento.

Meta-autoreferenzialità che rappresenta la tomba del senso critico, merce ormai sempre più rara nella blogosfera italiana, perché richiede la fatica di dover mettere per iscritto ciò che veramente ed eventualmente si pensa con la propria testa, anziché ipocritamente (nel migliore dei casi) con quella della blogstar di turno. Mentre si riduce la discussione potenzialmente più stimolante a coro monotono, la più blanda provocazione o la semplice divergenza di idee sono quindi interpretate come offesa o insulto di portata devastante, perché vissute come traumatica anomalia poco funzionale ad una gestione zootecnica del pubblico leggente o della controparte scrivente. O, peggio, del tutto ignorate. Facendo carne di porco della retorica della differenza come strumento di arricchimento personale e culturale, subìta evidentemente controvoglia.
Quando si dice avere personalità.