Articoli con tag 'arabia_saudita'

Infedeli a chi?

Il governo saudita si prepara a reprimere duramente l’abitudine di riservare a cani e gatti il rango di animali da compagnia degni di affetto ritenendola "troppo occidentale", mantenendo l’autorizzazione all’uso dei cani per la caccia e la guardia. «Troppi giovani li hanno comprati e passeggiano con questi in pubblico» afferma un comunicato redatto dal Ministero dell’Interno saudita. Ma questa nuova interdizione non ha stupito solo gli occidentali, ma anche i cittadini islamici sebbene già qualche mese fa il governo conservativo arabo avesse definito i cani animali sporchi e contrari all’Islam. Infatti secondo la tradizione islamica, Maometto, fondatore della religione musulmana, amava i gatti e una volta avrebbre lasciato un gatto bere dell’acqua sacra con la quale poi si sarebbe successivamente lavato. Sconcertante. Spiace constatare che l’Islam dimostri con provvedimenti simili di non riuscire a trovare la misura di un confronto rispettoso con una civiltà cui non tiene evidentemente che a rivolgersi in termini di contrapposizione. Personalmente, sull’affetto per gli animali non transigo. E, pur essendo sensibile al problema delle diversità culturali come pochi, ritengo privo di sensibilità e dunque umanamente povero, probabilmente realmente inferiore a prescindere dal credo politico o religioso, chi incapace di affetto nei loro confronti. E poi non esisteva anche il detto secondo cui Maometto preferì tagliare il suo mantello piuttosto che spostare il gatto che ci dormiva sopra? E pensare che hanno anche l’ardire di usare l’espressione "cani infedeli", mentre sono così pochi gli esseri umani a potersi vantarsi di essere veri amici degli animali e meritarne l’affetto… Confido nella parte sana della civiltà. Questa mi fa decisamente repulsione, tanto per non essere volgari.