Corriere.it: quando si dice il tempismo

Con un accesso di sana presunzione e una buona dose di immaginazione, da stamattina potrebbe essermi improvvisamente più chiaro il motivo per cui giorni fa, durante l’utima videochat moderata in diretta presso Corriere.it da Beppe Severgnini e Marco Pratellesi, era stato totalmente ignorato anche nella finestra testuale dell’"evento" un mio commento legittimo e pienamente attinente alla discussione. A margine di una riflessione sulla necessità di una moderazione sacrosanta dei commenti esterni eventualmente indirizzabili agli articoli di un quotidiano on line e dunque sulla responsabilità penale e civile della direzione e della proprietà dello stesso nei confronti degli interventi più scomposti, con quel commento intendevo sollevare un dubbio. E cioè che in tempi di blog e giornalismo collaborativo, diffuso e non professionale, insomma di wepduepuntozero, una testata storica ed economicamente forte come Corriere.it non disponesse dei mezzi umani e delle varie risorse necessarie non solo per aprire i contenuti offerti nella versione elettronica ai commenti dei lettori, ma anche per sottoporre questi ultimi ad una moderazione puntuale e continua. Da intendere ovviamente come complementare e non sostitutiva di un feedback permanente con il pubblico. Qualcosa che da tempo riguarda realtà editoriali ben più minuscole e improvvisate nell’ambito della blogosfera e dei suoi dintorni, spesso portate avanti a prezzo di fatiche qualitativamente sconosciute al giornalismo professionale di tipo tradizionale. Scherzi a parte, guarda caso qualcosa stava bollendo in pentola.

In linea con l’evoluzione della rete, che va sotto il nome di Web 2.0, i lettori, oltre a esprimere le proprie opinioni nei forum e nei blog tenuti dalle firme del Corriere della Sera, potranno anche commentare alcuni degli articoli pubblicati sul sito, inviare foto, suggerimenti, testimonianze.

Da stamane Corriere.it si presenta rinnovato nella grafica, nell’impaginazione e nel design complessivi, ma soprattutto dichiaratamente aperto almeno parzialmente nei propri contenuti ai commenti esterni di quanti non si esita a definire "padroni". Il primo post del preesistente blog interno di Marco Pratellesi inerente la svolta è stato puntualmente bersagliato da commenti con richieste, suggerimenti e critiche feroci, a fronte di sollecite risposte con rassicurazioni del titolare sulla natura prevedibilmente in progress della nuova creatura e soprattutto sul numero di articoli suscettibili dell’invio di contributi esterni alla redazione, "destinato ad aumentare". Non resta che da augurarselo. Siamo ancora lontani dal modello statunitense, ma l’impressione è quella di una realtà permeabile agli stimoli. Effetto cotillon da inaugurazione o davvero qualcosa si muove?
[ Technorati Tags: , ]

Diritti

Questo blog e' pubblicato con una Licenza Creative Commons.
Alcuni diritti riservati.

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
SELECT * FROM wp_comments WHERE comment_post_ID = '576' AND comment_approved = '1' ORDER BY comment_date

0 commenti a “Corriere.it: quando si dice il tempismo”


  1. Nessun commento

Scrivi un commento

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
DESC wp_comments

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
ALTER TABLE wp_comments ADD COLUMN comment_subscribe enum('Y','N') NOT NULL default 'N'




Foto "recenti"

www.flickr.com
Questo è un badge Flickr che mostra le foto pubbliche di Slowfinger. Crea il tuo badge qui.

Pietatis causa

LinkLift

Proudly with

2000 blogger italiani
slow.quid

Technorati stuff

Add to Technorati Favorites!

Diritti

Creative Commons License

Contenuti ridistribuibili con
Licenza Creative Commons 2.5.