A passo di gambero

Figuriamoci se poteva finire diversamente. In Italia va sempre così, due passi avanti e tre indietro. Per una volta mi sorprendo d’accordo con Gerardo D’Ambrosio, ex numero due della Procura della Repubblica di Milano, sul senso di nausea sollevato dall’epilogo della vicenda legale che ha sconvolto il calcio italiano. Sembrava che con il primo grado del processo a Calciòpoli si potesse riuscisse a dare una spallata decisa, per quanto sostanzialmente accomodante, al malaffare dei soliti noti di un mondo ormai privo degli unici valori che dovrebbero animare lo sport. Sarà retorico ma è così, perché c’è anche gente che gioca pulito (o sostanzialmente pulito, il che ai vertici del calcio non fa differenza) ed è la maggioranza. E invece la sentenza di appello ha fortemente ridimensionato l’esito, con condanne semplicemente vergognose che lasciano le cose quasi invariate e non danno certo lo scossone che certi club più simili ad aziende meritavano.

E’ la nostra giustizia all’acqua di rose, che si rifugia nel garantismo solo quando di mezzo ci sono i potentati dell’alta finanza e i reclutatori di stragisti. D’Ambrosio farebbe bene a ricordare certi risvolti del discutibile giustizialismo di ambiente meneghino forse per lui scomodi, prima di sbilanciarsi come ha fatto. Ma almeno in questo caso, il risentimento e la condanna della società civile e del mondo sportivo erano stati unanimi. Sembrava che ci avviassimo alle idi di marzo del calcio disputato a suon di alleanze e vassalaggi, di minuetti e genuflessioni.

Anche dall’interno non mancavano gli appelli all’epurazione generalizzata, rafforzati dall’azione catartica della vittoria mondiale. Ma poi è bastato che qualcuno si facesse intervistare in lacrime da vitello o facesse la conta dei minuti passati al cellulare per impietosire un collegio giudicante probabilmente spaccato in due (Rossi contro gli altri) e ridimensionare il sentimento d’onta collettiva, sprofondando ancora una volta l’Italia nel ridicolo. Prima la Federazione con la pedissequa accettazione della squalifica a Materazzi, ora la Lega con la patetica tavolata a base di tarallucci e vino. E c’è anche qualcuno che riscopre il candore di Moratti, ricordandosene soltanto quando si staglia il rischio di un nuovo commissariamento dei vertici del calcio. E c’è ancora qualcuno che ha lo stomaco di farsi beffe di chi preferisce altre pietanze, e non accetta lezioni in fatto di sportività ed eleganza.

Diritti

Questo blog e' pubblicato con una Licenza Creative Commons.
Alcuni diritti riservati.

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
SELECT * FROM wp_comments WHERE comment_post_ID = '157' AND comment_approved = '1' ORDER BY comment_date

4 commenti a “A passo di gambero”


Scrivi un commento

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
DESC wp_comments

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
ALTER TABLE wp_comments ADD COLUMN comment_subscribe enum('Y','N') NOT NULL default 'N'




Foto "recenti"

www.flickr.com
Questo è un badge Flickr che mostra le foto pubbliche di Slowfinger. Crea il tuo badge qui.

Pietatis causa

LinkLift

Proudly with

2000 blogger italiani
slow.quid

Technorati stuff

Add to Technorati Favorites!

Diritti

Creative Commons License

Contenuti ridistribuibili con
Licenza Creative Commons 2.5.