E.C. is here

1° maggio 2006. Mentre assisto (parola grossa) al concerto (idem) trasmesso da Rai Tre in diretta da piazza San Giovanni a Roma, mi imbatto per caso nelle pagine on line di un discusso quotidiano nazionale in cui Paola De Carolis pretende di illuminare i lettori sulla figura di Eric Clapton, denunciando la sua scelta di esibirsi in concerto il prossimo 20 maggio con la gloriosa Band du Lac, sbrigativamente liquidata come "nuovo gruppo" formato "per una sera". L’evento è organizzato da Countryside Alliance, organizzazione attiva nell’ambito della tutela della campagna e dei valori della vita rurale, che si batte anche, ma non solo, per l’abolizione dell’Hunting Act, provvedimento legislativo promosso dal governo Blair che da oltre un anno vieta nel Regno Unito la caccia con i cani, in particolare quella alla volpe.

Al di là delle posizioni individuali in materia di salvaguardia della vita animale, e lo dico da fervente e intransigente animalista, ma anche degli argomenti addotti da C.A. dall’interno di un sistema culturale a favore del controllo della popolazione delle volpi a tutela delle coltivazioni agricole, stupiscono sia la disinvoltura con cui nell’articolo si confonde palesemente la partecipazione di Clapton al Live Aid dell’estate 1985 con la sua assenza dal Live8 dell’estate 2005, sia la superficialità con cui viene censurata la sua adesione alla causa di C.A., contrapponendola all’impegno politico-sociale di altre presunte rockstar.

Quando non impegnata a scrivere con tanto rigore, la De Carolis è evidentemente più incline a considerare artisticamente meno valida l’elegia di cui è intrisa la maestà chitarristica testimoniata da Slowhand in quarant’anni di esibizioni dal vivo sempre all’altezza di una fama rimasta incontrastata, rispetto alle esternazioni politico-ideologiche opportunisticamente dispensate da orde di schiamazzatori nostrani ed esteri, privi di capacità di ascolto ma sempre pronti ad usurpare lo status di artista nel nome della più scontata retorica solidaristica di stampo veteromarxista, pur di arrampicarsi su un palco e poter strappare facili consensi a giovani acriticamente ignari delle forme più squallidamente ipocrite e subdole che il marketing discografico possa assumere.

Prevalentemente in attesa e alla ricerca di uno specifico merito artistico da intendersi, come optional, secondo una concezione contraddittoriamente mercificata e iperconsumistica dell’arte e senza prescindere dalle scelte di vita personali e private. Scelte come tali sempre meritevoli di rispetto ma anche di rimanere del tutto estranee a qualunque giudizio artistico-estetico. Perché è chiaro che nell’articolo in questione si parla di Clapton appassionato di caccia non come di un cittadino qualunque, ma per metterne in discussione l’impegno di musicista, e in questo senso lo si paragona ad altri che non sempre ne meritano l’etichetta. Di tutto questo, il sinistro carrozzone sindacalista e pseudomusicale del 1° maggio ha fornito un ottimo esempio (esibizione di Pino Daniele a parte).

Eric, grazie di esistere, e che tu possa ruggire ancora a lungo da par tuo sui palchi di tutto il mondo. English countryside ovviamente compresa.

Foto: Eric Clapton sul palco ieri sera a La Palestre, Le Cannet, Francia, prima tappa del Back Home world tour 2006. Clapton si esibirà in Italia il prossimo 7 luglio a Lucca, l’8 a Perugia nell’ambito del festival Umbria Jazz e il 10 all’Arena di Verona. Tutte le date.



Diritti

Questo blog e' pubblicato con una Licenza Creative Commons.
Alcuni diritti riservati.

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
SELECT * FROM wp_comments WHERE comment_post_ID = '15' AND comment_approved = '1' ORDER BY comment_date

11 commenti a “E.C. is here”


Scrivi un commento

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
DESC wp_comments

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
ALTER TABLE wp_comments ADD COLUMN comment_subscribe enum('Y','N') NOT NULL default 'N'




Foto "recenti"

www.flickr.com
Questo è un badge Flickr che mostra le foto pubbliche di Slowfinger. Crea il tuo badge qui.

Pietatis causa

LinkLift

Proudly with

2000 blogger italiani
slow.quid

Technorati stuff

Add to Technorati Favorites!

Diritti

Creative Commons License

Contenuti ridistribuibili con
Licenza Creative Commons 2.5.