Numero Uno

Dice: perché devo a Pino Scaccia questo post d’esordio? Perché è stato quel crocevia di opinioni, sensazioni e ragioni che probabilmente è ancora la sua Torre di Babele a introdurmi, malgrado egli ne avrebbe fatto ampiamente a meno, a questo universo parallelo, virtuale e un po’ sfigato ma sicuramente prezioso che è la blogosfera, termine tanto raccapricciante quanto ormai significante.

Perché rimanda a una realtà ineludibile per chiunque nel nostro tempo abbia l’inquietudine dolente e prevalentemente scomoda della curiosità, sia pure con le pastoie cognitive e i non sempre colpevoli limiti intellettuali (non necessariamente intellettivi) di una generazione cresciuta a copincolla e di un mezzo che promette di esprimerne il pensiero on line in cinque-minuti-cinque, garantendo un’attenzione spesso discutibile. Più che altro, garantendo di esprimerne il pensiero. Come se la cosa si riducesse a capienza di server, larghezza di banda e logica di reti.

Ma questa valvola di sfogo globale e allo stesso tempo di nicchia, questo laboratorio collettivo e iperconnnesso di creatività ed espressività che è la blogosfera non può che arricchire la società aumentando la circolazione delle idee e delle conoscenze attraverso canali di scambio potenzialmente devastanti e dunque utili se impiegati secondo buon senso, nonostante l’inevitabile sovraccarico di informazioni che produce. E nonostante la soggettività del buon senso stesso.

Insomma è stato Blogfriends, detto anche Blogtovarich, para-blog scaccesco collettivo, molto più para- che altro, a rafforzare la consuetudine di questi luoghi. Così, dopo un congedo del tutto volontario da una tribuna di voci diverse a cui si era smesso di riconoscere la stessa facoltà di espressione in nome di un senso del rispetto altrui inteso a corrente alternata, di una personalissima concezione della salvaguardia della pluralità di vedute anche politiche e di una pretesa di obiettività spesso impropriamente mutuata da doti e meriti professionali comunque indiscutibili, mi ritrovo ancora a misurarmi, tra il serio e il faceto, con l’interrogativo di albertiana memoria che da sempre mi attanaglia:

QVID TVM?

Peccato: da quelle parti non è più possibile. Così lo faccio in questo spazio personale, fingendo la maturità necessaria.

Diritti

Questo blog e' pubblicato con una Licenza Creative Commons.
Alcuni diritti riservati.

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
SELECT * FROM wp_comments WHERE comment_post_ID = '20' AND comment_approved = '1' ORDER BY comment_date

2 commenti a “Numero Uno”


Scrivi un commento

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
DESC wp_comments

WordPress database error: [Table 'Sql103193_1.wp_comments' doesn't exist]
ALTER TABLE wp_comments ADD COLUMN comment_subscribe enum('Y','N') NOT NULL default 'N'




Foto "recenti"

www.flickr.com
Questo è un badge Flickr che mostra le foto pubbliche di Slowfinger. Crea il tuo badge qui.

Pietatis causa

LinkLift

Proudly with

2000 blogger italiani
slow.quid

Technorati stuff

Add to Technorati Favorites!

Diritti

Creative Commons License

Contenuti ridistribuibili con
Licenza Creative Commons 2.5.